Blogtour “La vita e così sia” – Sottolineature di versi

Oggi ospito la terza tappa del blogtour “La vita e così sia” di Giuseppe Zanzarelli.

Giuseppe è un poeta giovane, ma per quanto lo sia in questa silloge riesce ad approfondire un tema molto intenso e complicato: la vita e i dubbi quotidiani dell’esistenza. Li esamina in profondità, in una maniera delicata, con versi liberi che a mio parere sposano bene l’argomento. Così, passando per la vita di chi incontra e anche in quella di chi non c’è più, nei ricordi e nelle immagini che a lui stanno a cuore, analizza i suoi pensieri e li mette su carta:

Mi sono avvicinato/c’era un germoglio/proprio lì, dov’eri tu.

versi che troviamo nella poesia che apre la raccolta, Il tuo odore è la mia vita. Versi che sintetizzano anche il significato della copertina: quel seme che diventa germoglio di vita che ogni individuo annaffia per non farlo seccare, così da dar via a un’esistenza completa, compresi i  ricordi, senza dei quali saremmo vite a metà. “Di te” è una delle poesie dei ricordi, degli odori e dei sapori; poesia breve, dai versi stringati, essenziali.

E i dubbi sull’esistenza? Sono racchiusi nella poesia “E’ forse vita”:

E’ forse vita questo rodere di pensieri/che si confondono nella torba/di qualche cultura e germogliano/all’ombra della malva/[…]/e che mentre il sole cala/accolgono lacrime salate,/le tue, le mie/

versi molto intimi, che racchiudono l’essenza del poetare di Giuseppe: parole semplici, concetti semplici, ma non per questo poco efficaci.

Giuseppe Zanzarelli in questa raccolta racchiude anche le sue riflessioni sui fatti della vita, quelli che ci circondano: l’immigrazione e l’inquinamento. O fatti avvenuti in un passato che lui non ha vissuto direttamente – perché non era ancora nato – ma come “lo spettatore che viene dopo”, quello che va a visitare i luoghi dei ricordi e rimane colpito da ciò che vede: 27 giugno 1980, la strage di Ustica:

Voci, voci, e ancora voci, brividi/e soprattutto ricordi naufragati,corpi dimenticati/una carcassa recuperata, ricomposta/anima muta.

misteri irrisolti e tracce indissolubili. Un ossimoro che tutti gli anni, quando cade l’anniversario, ci propinano (e scusate per il propinano, ma a volte non sopporto i media) per non dimenticare.

Chiudo la mia breve analisi con tre versi di Giuseppe che io ho fatto miei cambiando i soggetti, perché mi ricordano un avvenimento della mia esistenza:

Io amavo la vita/tu l’autunno/ci siamo persi.

che, come dico sempre, dimostrano l’universalità della poesia. Versi che diventano il patrimonio di ognuno di noi, liberi da interpretare e fare propri.

Giveaway: Il like alla pagina della casa editrice è obbligatorio. Tra tutti i commenti che verranno pubblicati nelle varie tappe del Blog Tour partecipano all’estrazione a sorte di tre l’ebook e un cartaceo del romanzo.

Xo Xo Rita Angelelli

 

 

 

Precedente Body building per scrittori - Corso di scrittura creativa Successivo Blogtour - Tema letterario, parliamo di "Carteggio" e dell'ispirazione che anima La Camminatrice e la Resistente di Maria Zaffira Secchi

3 thoughts on “Blogtour “La vita e così sia” – Sottolineature di versi

Lascia un commento

*